La Ragazza dell'Hotel

La Ragazza dell'Hotel
«Leggere un libro può essere piacevole come guardare un film». Sonia Roccazzella

I vostri commenti

Beatrice F. - prov. AV – 26 anni – Ottimo titolo per un Young Adult, bellissima storia, bellissimi i personaggi. Incredibile il salto di qualità che avete fatto fare a Susy, che all'inizio pare un po' una stronzetta, e poi... ma non voglio spoilerare oltre. Sto finendo di leggere il seguito e sono al capitolo in cui si parla proprio di Susy. È bellissimo, forse anche più del primo... il che è tutto dire.

Annalisa M. - prov. MO – 18 anni – Una delle storie più belle che ho mai letto. Fatene un film e il protagonista fatelo fare a Fede di Benji e Fede, vi pregooooo!!! Biondo e con gli occhi azzurri, ho pensato subito a lui già dalle prime righe. Anche Fede, poi, gioca a calcio ed è bravo. Pensateci, vi pregooooooo!!!!!!!

Nadia C. - prov. AT – 24 anni – L'ho appena finito di leggere, ma io sono partita dal secondo, LA RAGAZZA BIONDA SULLA PANCHINA... WOWWWWW!!! Il secondo è molto, molto, molto, molto più bello; il primo l'ho letto per curiosità, più che altro per arricchire le mie nozioni sui personaggi. Che dire? Ti prendono e ti entrano dentro. Brian è fichissimo e me ne sono innamorata. Dove ne trovo uno così in carne e ossa?

Francesca T. - prov. CS – 19 anni – Leggo romanzi rosa da almeno tre anni; questo è decisamente diverso dagli altri. Non saprei come descrivere questa diversità, non saprei se è più completo o no, l'unica cosa è che non è passato via indifferente, mi è entrato dentro, perchè il personaggio di Brian è davvero diverso dal solito. Se analizzo bene le caratteristiche dovrebbe essere uno fortemente odioso, e invece... mi chiedo io stessa come faccia a essermi piaciuto così tanto. Boh... il potere e il mistero dei libri. Sonia è diventata la mia scrittrice preferita, adesso sto leggendo anche l'altro suo libro. Brava. 

Rosita G. - prov. EN – 21 anni – Me l'ha suggerito un'amica e mi ha appassionato subito. L'ho finito in pochissimi giorni. Ho sentito dire che si sta pensando a un continuo. Leggerò sicuramente anche quello, sono curiosa di scoprire che altre novità ci sono in programma per Brian. Mi piace tantissimo anche Karl e trovo fantatsico il loro rapporto di amicizia. Senza dubbio unico.

Sofia A. - prov. BO – 26 anni – Uno stile insolito che mi è piaciuto. Piano piano ti lascia entrare nel vivo della storia e ti fa appassionare ai personaggi. Brian è meraviglioso, lo trovo adorabile e tenero nonostante il suo caratteraccio. Devo dire che mi affascina tantissimo. Bellissima la storia, do 5 stelle.

Alberto B. - prov. CT - Accattivante e scorrevole: una bella storia dove a prevalere e a vincere la partita sono i sentimenti veri, primo fra tutti quello dell'amicizia vera, incondizionata e disinteressata. Un tema che mi ha toccato nelle pagine centrali del libro, durante il confronto/scontro di Brian e Karl. W l'amicizia!

Marco B. - Milano – 23 anni – All’inizio non volevo neppure leggerlo… vedere mia sorella quasi “innamorata” di questo personaggio da un lato mi inquietava, dall’altro mi faceva ridere. Pensavo alle solite robe melensi che piacciono a lei, completamente fuori dal mio genere. E più lei lo leggeva (credo sia arrivata a quota 3!!! Da pazzi!!), più lei mi incitava a leggerlo… più io non volevo farlo. Un giorno, poi, durante una mia seduta mattutina al bagno (^.^), ho trovato il libro lasciato lì da mia sorella al posto delle solite riviste. L’ha fatto apposta, ne sono sicuro. Ma ha fatto bene, perché quando son partito a leggerlo, non mi sono più fermato… ho pure rischiato di fare tardi all’università, perché non volevo lasciare la lettura nel bel mezzo del capitolo. È pazzesco… mi ha preso da pazzi. Mi piace molto la storia e anche la maniera in cui è raccontata ti sprona a divorarlo in un unico boccone. L’ho finito in quattro giorni, un vero record per me!!!

Sabrina C. – prov. BO – (…) L’ho amato praticamente da subito, perché da subito sono entrata in sintonia coi due protagonisti principali, Brian e Karl. Un esempio meraviglioso di amicizia vera e pulita. Mi piace il contrasto tra i due ragazzi: Brian giovane e ribelle, Karl più adulto e responsabile, rappresenta quasi la voce della coscienza di Brian. I loro dialoghi sono la parte più bella del libro: ogni volta esce fuori un confronto notevole.

Pamela F. – Catania – 32 anni - Voglio fare tanti complimenti a Sonia per il bellissimo romanzo. Nonostante il contesto sia parecchio distante dal vivere comune di ciascuno di noi, è riuscita a far sembrare vera una storia da film. Tutt’ora mi chiedo se non ci sia qualche riferimento con la realtà. È raccontato in maniera talmente vissuta, che sembra quasi di starci dentro. Mi ha messo addosso una gran voglia di scrivere. Posso sapere cosa ha ispirato Sonia nel creare una storia così? Non ha mai pensato di poter rendere odioso il personaggio di Brian con tutte le sue caratteristiche negative? A cosa o a chi si è ispirata per riuscire, invece, a umanizzarlo così da portarci inevitabilmente tutti dalla sua parte? (…)

Cristiano L. – Caserta – 28 anni - L’ho comprato solo perché si parlava di calcio e perché anche io sono un calciatore. È diverso dai soliti libri, ti lascia spaziare in un modo fantastico che sembra quasi di toccare con mano. Mi ha ridato la sensazione di quando ero più ragazzino e mi appassionavo al telefilm o al cartone animato di turno. Una sensazione particolare… mi ha fatto ricordare nitidamente quando ero piccolo e guardando Holly e Benji sognavo di fare il calciatore.

Giorgia C. – prov. VI – 19 anni - (…) Lo dico, eh? Susy non mi è piaciuta per niente all’inizio…e  ho pure fatto il tifo per Bianca! Anche se uno come Brian, lasciatemelo dire, me lo volevo cuccare io. Me ne sono letteralmente innamorata e spero davvero ci sia un seguito perché mi sono troppo affezionata a Brian e a Karl. Ho letto che pubblicherete il racconto come se fosse scritto da Brian… spicciatevi, perché non me lo voglio perdere! (…)

Hai letto il libro anche tu? Se ti fa piacere, puoi inviare il tuo commento a: laragazzadellhotel@europeinitaly.com